search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Convalescenza

convalescenza

Che parola importante! Da bambini ci pareva una terribile condanna alla noia (non fare questo, non fare quello…) ma nasceva da un’attenzione ammirevole alle esigenze di chi stava per guarire. Oggi non si usa più. Ed è un peccato.

Si, perché il confine tra salute e malattia, spesso, non è così chiaro, e quando la malattia era una situazione davvero pericolosa (come frequentemente settanta o cento anni fa), era meglio andare con i piedi di piombo.
Oggi la convalescenza è quasi scomparsa dall’uso e dal linguaggio. Non se ne sente non solo il bisogno, ma neanche più il risuonare.

Come mai? Che la mania della produttività, dell’efficienza, dell’attivismo senza limite, o la violenza dei ritmi di lavoro, delle necessità economiche (talvolta reali, altre solo presunte…) ci abbiamo espropriato anche del tempo giusto della malattia?

Probabilmente è cosi.

E proprio di tempo della malattia si tratta, perché non è corretto sentirsi malati solo nei giorni della febbre, ma anche nei pochi altri che sono necessari per un recupero graduale di tutte le nostre energie, delle nostre forze, di quello stato di buona salute che noi percepiamo come l’effettiva possibilità di fare quello che sentiamo nelle nostre corde.

L’abbandono della convalescenza è la fonte principale delle continue ricadute, delle guarigioni imperfette con lunghi strascichi, del cronicizzarsi di atteggiamenti assunti durante la malattia che poi fatichiamo ad abbandonare.

Prendiamoci quindi qualche giorno in più, se possibile.

Prenderci il tempo per guarire fisicamente, forse, ci farà bene anche da altri punti di vista, per mettere in fila in modo nuovo, e più adatto a noi, le priorità del nostro fare e delle nostre ambizioni, per osservare meglio, a bocce ferme, quello che accade attorno a noi, per pensare, immaginare, progettare nuove attività per quando saremo guariti….

Buona convalescenza a tutti, quindi.

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Un buon udito si mantiene

Un buon udito si mantiene

Il nostro udito è finissimo: per l'uomo è il senso primario, il primo a svilupparsi e l'ultimo di cui si perde la percezione, un po' come il fiuto per molti animali selvatici.

Augmentin sciroppo: quanto ne uso?

Augmentin sciroppo: quanto ne uso?

Lo sciroppo di Augmentin, l’antibiotico forse più usato nei bambini, ed i suoi equivalenti (amoxicillina – acido clavulanico), sono spesso difficili da dosare perché il foglietto illustrativo lascia dei dubbi.

Ecco un aiuto per un dosa...

A.P.O.A.P.P.N.F.

A.P.O.A.P.P.N.F.

Una bambina voleva aiutare la sua nonna che non accettava l'idea di andare in giro con un deambulatore...

Ventolin: quando usarlo?

Ventolin: quando usarlo?

Il Ventolin, cioè il salbutamolo, è un farmaco che molti conoscono perché è forse il più famoso degli antiasmatici. La sua funzione è quella di dilatare i bronchi permettendo quindi un maggior flusso di aria nei polmoni.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30