search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Curare i tumori: uno sguardo verso il futuro

linfociti T e cancro

È dagli anni ’40 dello scorso secolo che si sa che un ruolo fondamentale nella distruzione delle cellule tumorali è affidato, nell’individuo sano, al sistema immunitario. Ogni giorno migliaia di cellule “sbagliate” nascono a seguito di mutazioni genetiche, causate a loro volta dal contatto con sostanze o radiazioni che trasformano normali cellule in crescita in cellule tumorali. La luce del sole, molti cibi, le sostanze chimiche inquinanti che respiriamo: anche le cose apparentemente più semplici nascondono migliaia di occasioni quotidiane di ammalarsi.

Così il nostro organismo ha sviluppato una serie di strategie di difesa: da un lato meccanismi di riparazione del DNA, dall’altro la distruzione delle cellule malate da parte di cellule specializzate del sistema immunitario, i linfociti T, soprattutto.

Oggi, decenni dopo queste scoperte, si cominciano a mettere a punto farmaci che promuovono questo tipo di risposta immunitaria, per certi versi la più naturale e priva della terribile tossicità degli antitumorali (che uccidono le cellule malate ma qualche volta anche un po’ di quelle sane).

Le strategie che si stanno utilizzando sono fondamentalmente due.

Alcuni farmaci attivano il sistema immune stimolando la sua attività con delle “esche” che aumentano il grado di allarme e quindi l’attività.

Altri neutralizzano in parte i meccanismi che lo stesso sistema immune ha organizzato per autolimitarsi (altrimenti distruggerebbe lo stesso organismo), meccanismi che anche le cellule tumorali utilizzano proprio per essere lasciate in pace dai linfociti T.

Infine molte osservazioni fanno notare che molti farmaci antitumorali funzionano in modo diverso, o addirittura funzionano solamente se nell’intestino sono presenti alcune specie batteriche. Si sa che i batteri ed i funghi dell’intestino partecipano alla modulazione dell’attività immunitaria, ma queste osservazioni nei malati di tumore aumentano ulteriormente il grado di complessità che osserviamo nelle relazioni tra noi, l’ambiente (interno ed esterno) ed i nostri “ospiti”.

Quali conclusioni?

La prima è che possiamo aspettarci un ulteriore miglioramento nella cura del cancro da queste terapie: ci vorrà ancora tempo, ma alcuni, sviluppati anche grazie a ricerche italiane, sono già in uso.

La seconda è più vicina a noi ed alla nostra quotidianità: oltre a fare attenzione all’alimentazione per avere una quantità equilibrata di tutte le sostanze notoriamente anticancro, spostandoci sempre più verso una dieta vegetariana ricca di frutta e verdura fresche, dobbiamo mettere in atto quelle strategie che aiutano a mantenere la migliore efficienza del nostro sistema immunitario, la nostra migliore difesa contro il cancro. Quindi diminuire lo stress, adeguando il nostro ritmo di vita alle nostre forze e affrontando con spirito positivo le difficoltà inevitabili della vita, e facendo ulteriore attenzione all’alimentazione in modo da avere un intestino sano, dal ritmo regolare, senza gonfiori o infiammazioni. Con una dieta giusta si può fare molto.

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
A che ora mangio?

A che ora mangio?

Cronobiologia: una parolaccia che sta a indicare chi si occupa della relazione tra i ritmi biologici e le ore del giorno. Una scienza un po’ nuova, di cui s’intuisce l’importanza da tempo ma che ha da essere ancora approfondita.

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Zoloft, Prozac, Elopram, Cipralex e tanti altri: gli antidepressivi di nuova generazione, tecnicamente chiamati SSRI e SNRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina), sono tra i farmaci più utilizzati nelle società occidentali.

SI-curo: i farmaci a portata di mano

SI-curo: i farmaci a portata di mano

Chi ha terapie complesse sa quanta attenzione ci vuole a non dimenticare nulla: per sé e per i propri cari oggi c'è un modo semplice per non dimenticare mai nulla.

Proteggere e idratare le mani

Proteggere e idratare le mani

Quando si è costretti a lavarsi frequentemente le mani, si lavora a lungo con acqua e detergenti o in un ambiente con sostanze o materiali aggressivi nei confronti della pelle, sentiamo naturalmente il bisogno di idratare le mani.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30