search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Il cuore delle donne

cuore di donna

Immaginiamo un uomo che, oppresso dallo stress lavorativo e dallo stile di vita insano (sovrappeso, fumatore, mangiatore di bistecche, sempre alla guida per lavoro), sente una fitta al petto che si irradia al braccio sinistro e cade al suolo. Il primo pensiero è all’infarto.

Se vediamo una donna lamentarsi perché è affaticata, le manca il respiro, ha dolori al petto e alla schiena, un’improvvisa debolezza, nausea e dolore addominale, pensiamo che abbia un malessere più semplice, che messa a riposo per un po’ possa passare.

Nel nostro immaginario la vittima dell’infarto è generalmente un uomo, mai una donna.

Quest’immagine è sbagliata e va cambiata.

Da qualche decennio ormai sono le donne a soffrire e a morire di infarto più degli uomini: non è più una “malattia da maschi”.

Le cause sono più d’una: il significativo allungamento della vita media fa si che le donne vivano molto a lungo dopo la menopausa. Prima della menopausa, grazie ad un livello elevato di estrogeni, le donne sono protette dall’infarto e dalla malattia coronarica, ma non negli anni successivi: in questo lungo periodo della vita il rischio per loro diventa maggiore che per gli uomini. Altro fattore è che gli strumenti diagnostici, come la coronarografia, sono per certi versi meno efficienti nelle donne rispetto agli uomini, perché la patologia assume nel loro caso forme leggermente diverse.

Il fattore determinante però sembra risiedere proprio nell’immagine dell’infarto come malattia maschile radicata nella nostra cultura: questo porta tutti, le donne stesse innanzitutto, ma anche i familiari e i medici, a non pensare alla possibilità di un infarto di fronte al malessere femminile. Di conseguenza questo si traduce in un rallentamento nell’accesso alle cure (al pronto soccorso, in primis) che può rivelarsi grave o fatale.

A cosa prestare attenzione allora?

Innanzitutto è necessario valutare i fattori di rischio: il tempo trascorso dall’inizio della menopausa, il sovrappeso, il diabete, il fumo, la vita sedentaria, la pressione alta, il colesterolo elevato. Uno solo di questi fattori può essere poco importante, ma la concomitanza di più d’uno aumenta il pericolo in modo esponenziale.

Nelle donne in post menopausa quindi, la presenza di alcuni di questi fattori di rischio deve far pensare che, di fronte a un malessere atipico che insorge rapidamente, una spossatezza insolita e importante, un dolore al petto ma anche alla schiena o alla mandibola, un disturbo intenso allo stomaco, ci si potrebbe trovare di fronte a un infarto: è il caso quindi di recarsi tempestivamente al pronto soccorso.

 

Uomini e donne sono diversi: per approfondire guarda questo video

 

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Fattori di rischio

Fattori di rischio

Siamo sani, ammalati o quasi…. Sempre più spesso ci accorgiamo che il limite tra salute e malattia è incerto. Non solo: molti messaggi ci invitano a ragionare su come fare per non ammalarci e ci dicono che corriamo un certo rischio define...

Covid grave: cosa succede?

Covid grave: cosa succede?

Covid è una malattia particolare per molti motivi, ma ciò che preoccupa di più è la sua imprevedibilità:

Cosmetici Hauschka: il cosmetico davvero naturale

Cosmetici Hauschka: il cosmetico davvero naturale

Non è la prima volta che ne parliamo: ormai da anni è una linea apprezzata e utilizzata da molte nostre clienti.

Tachipirina 500 o Tachipirina 1000?

Tachipirina 500 o Tachipirina 1000?

Da quando è entrata in commercio la Tachipirina 1000, cioè 1 g di paracetamolo, è invalsa l’abitudine da parte di moltissime persone di chiederla in farmacia quasi fosse il vero dosaggio per adulti. Anche trascurando il fatto che questo f...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

    sabato 8.30 - 12.30