search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Zecche in Trentino: quanto è il pericolo?

In Trentino i casi di encefalite da zecca sembrano essere in aumento, ne sono stati segnalati 40 nel 2022, ma quant’è davvero il pericolo?

Sono molti i fattori che intervengono e sono legati all’ambiente, al clima e alla frequentazione dei boschi da parte di persone e animali.

Il mutamento climatico ha sicuramente favorito lo sviluppo delle zecche: il clima più caldo ha permesso la loro vita anche ad altitudini di quasi 2000 metri, cosa che anni fa non era immaginabile. Il periodo di attività è allungato come si è allungata la stagione calda, soprattutto nei primi mesi dell’anno. L’area di presenza delle zecche si è gradualmente espansa dall’asta dell’Adige, il bacino iniziale, a molte zone circostanti fino a coprire gran parte della provincia.

Lo sviluppo delle popolazioni di ungulati è un altro fattore positivo per le zecche: più caprioli e più camosci vuol dire più “cibo” per le zecche, quindi una maggiore presnza. Dove invece ci sono più predatori (lupi) c’è meno selvaggina e quindi anche meno zecche: un equilibrio da ritrovare.

Infine la tempesta Vaia: grandi aree sono state deforestate dal vento, i grandi alberi sono caduti e rimossi e molti cespugli sono cresciuti favorendo il contatto tra le zecche (che stanno sui cespugli e si lasciano cadere sulla “vittima”) e i loro vettori.

Quindi complessivamente le zecche sono in aumento.

Di tutte queste zecche però solo una parte è infetta e quindi può contagiarci: si stima che molte sono quelle infette con il batterio che causa il morbo di Lyme o Borelliosi (la Borrelia): circa una su 5. Il pericolo d’infezione è quindi elevato, ma il timore può essere bilanciato da due elementi: se la zecca viene rimossa rapidamente (entro 24 – 36 ore dal morso) il pericolo che infetti la persona è molto ridotto; se poi la malattia è riconosciuta (grazie ai sintomi caratteristici e collegata a un morso di zecca occorso nelle settimane precedenti) è curabile completamente con gli antibiotici. Negli ultimi anni i casi segnalati in provincia di Trento sono in calo, meno di 30 nel 2022.

Solo l’1% delle zecche sembra infetta invece con il virus della meningoencefalite nelle zone in cui anche questa malattia si è diffusa, ma l’area si sta sempre più ampliando: anche qui prima si rimuove l’animale e minore è il pericolo (meglio non più di 12 ore), ma la malattia è sicuramente più seria e la cura è solamente sintomatica. Febbre alta fuori stagione e forte mal di testa sono sintomi da non sottovalutare in caso di morso di zecca.

Il vaccino per l’encefalite è raccomandato ai lavoratori che stanno a lungo nei boschi, mentre non lo è per la popolazione generale, ma è comunque disponibile gratuitamente presso l’azienda sanitaria provinciale. Per la malattia di Lyme non c’è invece il vaccino.

Il pericolo è quindi reale ma non tale da impedire una serena frequentazione dei boschi.

La regola base è comunque questa: utilizzare repellenti quando si va nel bosco o nei pascoli, specie nelle zone cespugliose, controllarsi e farsi controllare al ritorno e rimuovere al più presto le zecche che ci hanno morso.

 

Come togliere le zecche

Il video

Come morde la zecca

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Tachipirina o antinfiammatori?

Tachipirina o antinfiammatori?

Nei mesi invernali la Tachipirina va molto di moda ma c’è un po’ di confusione su a cosa può servire e sulle differenze con altri farmaci usati spesso.

Manzo o vitello?

Manzo o vitello?

Qual è la differenza tra la carne bianca e quella rossa? Non una questione alimentare ma funzionale: perché sono diversi il vitello e il manzo? E a cosa ci serve saperlo?

Allergie: farmaci, rimedi naturali e ...

Allergie: farmaci, rimedi naturali e ...

Gli elevati livelli di pollini nell'aria col primo caldo causano forti allergie: farmaci e rimedi naturali fanno il possibile, ma lo spray di soluzione fisiologica può dare un grande aiuto.

Virale o batterico? Capirlo non è così facile

Virale o batterico? Capirlo non è così facile

Quando malattie abbastanza comuni come mal di gola, tosse, raffreddore faticano a risolversi nel giro di pochi giorni c’è l’abitudine di cercare un aiuto nell’antibiotico.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio

    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30