search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Sonniferi: cosa sono e come si usano

dormire

I sonniferi, o più correttamente ipnotici, sono dei farmaci che servono per indurre il sonno.

Ne sistono di diversi tipi ma i più comuni sono le cosiddette benzodiazepine come Tavor, Halcion, Valium ecc. , nomi che sono diventati proverbiali e nel discorso comune sinonimo di sonniferi.

Il loro uso non è però così semplice: sono farmaci da non sottovalutare e in una certa misura pericolosi.

A basso dosaggio sono usati come rilassanti e antiansia: il fatto che alcuni, come ad esempio lo Xanax, siano più conosciuti per questa funzione è legato al dosaggio limitato con cui sono messi in commercio. A dosaggio più alto tutti favoriscono l’addormentamento, sono quindi ipnotici.

Il sonno che generano però non è quello fisiologico: alcune fasi fondamentali del sonno vengono alterate, e questo è dannoso se protratto a lungo.

Una diffenza fondamentale tra le varie molecole è la loro durata d’azione: quelle a brevissima durata (Zolpidem, Halcion) consentono di addormentarsi rapidamente e interferiscono meno con le fasi successive del sonno; quelle durata maggiore (Valium, En ecc.), fanno si che si dorma più a lungo, ma lasciano più facilmente spossati al mattino ed una sensazione di intorpidimento.

Un effetto importante ma poco considerato di questi farmaci è l’azione miorilassante: significa che i muscoli diventano meno reattivi e meno tonici. La debolezza che interviene, utile in molte situazioni mediche come ad esempio le crisi epilettiche, è però una delle cause più frequenti di caduta e di frattura delle ossa negli anziani. Questa è una circostanza molto grave nelle persone molto avanti negli anni, spesso costituisce l’inizio di un declino inarrestabile.

Tutti questi farmaci poi interferiscono con l’attenzione per cui sono controindicati in chi deve guidare: diversamente da quello che accade per l’alcool, la legge non prevede un “quantitativo minimo“ tollerato, bastano tracce nel sangue per modificare le responsabilità in caso d’incidente.

L’attenzione è anche una componente importante di una vita intellettualmente attiva: spegnerla, o rallentarla, per lunghi periodi con l’uso prolungato di sonniferi favorisce la perdita delle funzioni cognitive e i fenomeni di demenza.

Quindi qual’è l’uso corretto? Di rado e solo per brevi periodi.

Per questo il controllo e la supervisione costante del medico è fondamentale e la loro prescrizione è sottoposta a limitazioni nella quantità e nei tempi.

L’uso costante ne diminuisce l’efficacia senza limitarne gli effetti collaterali: si dorme sempre meno, male, si rischia di più durante il giorno e si invecchia peggio.

Ci possono essere momenti di difficoltà in cui un aiuto è necessario, ma questo aiuto va inteso come un “ponte”, un sostegno per superare un periodo problematico e non una soluzione al problema dell’insonnia.

 

Per saperne di più leggi qui

 

 

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Zecche: aggiornamento 2019

Zecche: aggiornamento 2019

L’encefalite trasmessa da zecche (o TBE) viene trasmessa all’uomo dalla puntura di zecca ed è causata da un virus. Peraltro, solo una piccola percentuale delle zecche è infetta, e anche quando la zecca è infetta e trasmette il virus, nell...

Manteniamo le distanze?

Manteniamo le distanze?

L’uso delle parole giuste è importante. Riflettiamo sulla differenza tra distanziamento fisico (necessario in una fase di epidemia pericolosa) e distanziamento sociale: c’è bisogno di una società coesa nei periodi difficili, lo abbiamo vi...

Disinfettare va bene ma le mani?

Disinfettare va bene ma le mani?

Con la giusta abitudine di lavarsi spesso le mani e usare soluzioni alcoliche per proteggersi dal Coronavirus le mani possono diventare troppo secche. 

Dolcificanti: è ora di cambiare

Dolcificanti: è ora di cambiare

Da molti anni i dolcificanti artificiali sono entrati nell’uso comune. Vengono usati dalle persone che vogliono limitare l’apporto calorico al posto dello zucchero ma anche nell’industria alimentare per almeno due motivi: costano pochissi...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30