search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Smettere gli antidepressivi

Prima di iniziare il percorso verso la sospensione degli psicofarmaci, devi essere pronto ad affrontare i sintomi da sospensione, che si manifestano sotto forma di sintomi fisici e pensieri o sensazioni impreviste. I sintomi da sospensione vanno considerati positivamente, indicano che il corpo sta per tornare alla normalità. Nella maggioranza dei casi, essi scompaiono dopo pochi giorni o poche settimane.

Il percorso verso la sospensione dovrebbe essere sempre lento e individualizzato.
 Devi assumerti la responsabilità della sospensione del farmaco.
 Discuti la sospensione con il tuo medico e valuta l’opportunità di presentargli la proposta.

Riduci lentamente la dose del farmaco: ad esempio inizia con una riduzione del 10-20% e “vedi come va”. Non devi dimezzare la dose ogni volta. Forse può funzionare in prima battuta, ma può causare problemi già la seconda volta, quando si scende a un quarto della dose iniziale.

Quando sei pronto per il passaggio successivo, utilizza l’esperienza della precedente riduzione e riduci ancora la dose del 10-20%.
 Continua alla tua velocità: sii consapevole che man mano che riduci la dose che assumi, più deve diventare lento il processo di riduzione.

Registra i sintomi di astinenza in una tabella o in un diario.
 Se i sintomi da sospensione sono gravi, prova a sopportarli un po’ più a lungo oppure torna alla dose precedente e riduci la velocità del processo di sospensione.

Non dovresti assumere farmaci per i sintomi da sospensione.
 Fai qualcosa di piacevole per te stesso.
 Assicurati di avere un amico o un familiare con cui discutere la sospensione e che possa osservarti. Potresti non notare di essere diventato irritabile o irrequieto, che possono essere segnali di pericolo.
 Consulta la tua farmacia su come dividere le compresse o suddividere il contenuto delle capsule (lo può fare la farmacia su indicazione di un medico) o fatti prescrivere dal medico le gocce, se possibile.

Le persone rispondono in modo diverso ai farmaci e alla loro sospensione. Alcuni percepiscono molto chiaramente sintomi da sospensione, altri quasi non li notano.
 Quando sospendi gli psicofarmaci, tu o i tuoi congiunti potreste essere sorpresi dal fatto che i pensieri, le sensazioni e le azioni possono cambiare. Questo è normale, ma può essere spiacevole. I sintomi da sospensione sono spesso simili alla condizione per cui ti è stato proposto il trattamento. Sfortunatamente, i medici spesso li interpretano come un segno che sei ancora malato e hai ancora bisogno del farmaco. E’ raro che abbiano ragione.

 

Di seguito sono riportati i sintomi più importanti che potresti riscontrare. Alcuni possono essere pericolosi se riduci troppo rapidamente o all’improvviso.

Sintomi simil-influenzali:

Dolori articolari e muscolari, febbre, sudorazione fredda, naso che cola, irritazione oculare.

Mal di testa:

Mal di testa, emicrania, sensazioni di brevi e ripetute onde o scosse elettriche nel cervello

Equilibrio:

Vertigini, disequilibrio, deambulazione instabile, sensazione di “sbornia” o di mal di mare.

Muscoli e articolazioni:

Rigidità, intorpidimento o sensazione di bruciore, crampi, contrazioni, tremore, movimenti incon- trollabili della bocca.

Sensi:


Formicolio, dolore, bassa soglia del dolore, gambe irrequiete, difficoltà a stare fermi (può essere pericoloso), visione offuscata, ipersensibilità alla luce e al suono, tensione intorno agli occhi, ronzio nelle orecchie, acufene, linguaggio confuso, alterazioni del gusto e dell’olfatto, eccessiva salivazione.

Stomaco, intestino e appetito:

Nausea, vomito, diarrea, dolore addominale, gonfiore, aumento o diminuzione dell’appetito.

Ansia:

Attacchi d’ansia, panico, agitazione, dolore toracico, respirazione superficiale, sudorazione, pal- pitazioni.

Percezione della realtà
:

Sensazione di alienazione e irrealtà, sensazione di distacco dal mondo reale, allucinazioni visive e uditive.

Irritabilità e aggressività:

Irritabilità, aggressività, scoppi d’ira, impulsività, pensieri suicidi, autolesionismo, timore di fare del male agli altri. Possono rivelarsi molto pericolosi.

Memoria e confusione
:

Confusione, scarsa concentrazione, perdita di memoria.

Sonno:

Difficoltà ad addormentarsi, insonnia, risvegli notturni, sogni intensi, incubi a volte violenti.

Energia:

Stanchezza, irrequietezza, iperattività.

 

Traduzione di “A practical guide to drug withdrawal” a cura di Luca Iaboli (Redazione di Farmacologico) e Giuseppe Tibaldi (sezione italiana dell’International Institute for Psychiatric Drug Withdrawal)

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
L'artrosi del cane

L'artrosi del cane

Il vostro cane è irrigidito dopo aver riposato? Ha difficoltà a salire le scale? Si affatica e rimane indietro durante le passeggiate? E' riluttante nel giocare o correre?

Si ritrae o mostra dolore se toccato sulle articolazioni?

Se...

Mindfulness: fa solo bene?

Mindfulness: fa solo bene?

La mindfulness è una tecnica di derivazione orientale che, semplificando molto, consiste nel focalizzare l’attenzione su piccole attività, in modo da permettere un acuirsi della consapevolezza e un distacco dal flusso stressante delle sol...

Raffreddore, che facciamo?

Raffreddore, che facciamo?

Ci sono cose che andrebbero usate sempre (i balsamici, i lavaggi con la fisiologica), risposte naturali (Kaloba, i suffumigi) e cose che vanno usate per pochi giorni (i vasocostrittori come Rinazina e Vicks spray, o Tachifludec e simili)
...

Ultime sui pidocchi dalla zoologia

Ultime sui pidocchi dalla zoologia

Come nella migliore agricoltura, conoscere i cicli dei parassiti è fondamentale per trovare il miglior modo per sconfiggerli.

Il pidocchio (Pediculosi humanus capiti) è un parassita obbligatorio dell’uomo, quindi noi siamo i soli ospit...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30