search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Ricette sul telefono: sono valide o no?

ricetta farmaceutica

In questi anni di pandemia tra i molti cambiamenti e le fantasiose soluzioni al problema dell’accesso ai farmaci c’è stata anche l’abitudine dei medici di inviare le ricette bianche, quelle per i prodotti non mutuabili, attraverso una foto sul telefono del proprio paziente.

Diciamo subito che questa modalità non è valida, benchè nelle fasi più dure dell’emergenza le farmacie abbiano ampliato di molto il livello di elasticità per risolvere le questioni vitali delle persone.

La ricetta serve per autorizzare le persone ad acquistare dei farmaci e per controllare che questi acquisti non superino le quantità raccomandate o prescritte. Per questo motivo sulla ricetta il farmacista appone il timbro e il prezzo della confezione oltre al numero di confezioni acquistate.

Una ricetta sul telefono dice solo che il medico a qualcuno (che potrebbe essere chiunque) ha prescritto qualcosa, ma non permette il controllo sui consumi, neanche se stampata e timbrata, perché potrebbe essere stampata e replicata infinite volte.

Sia chiaro: non è una questione di fiducia nella persona che ci fa vedere la foto, è che non solo si tratta di una modalità di accesso al farmaco fuorilegge, ma la quantità reale di situazioni di abuso dei farmaci è ben nota ai farmacisti, che quindi condividono il senso e lo spirito della norma lavorando quotidianamente per limitare al minimo queste situazioni pericolose per la salute.

Nell’emergenza si era attuato uno stratagemma che, pur non corretto nella forma, manteneva la sostanza: se il medico mandava la prescrizione non al paziente ma alla farmacia, via mail o come foto sul telefono, la farmacia era in grado di stampare l’unica copia in circolazione e quindi utilizzarla al pari di un originale proprio per la sua non replicabilità.

Ora per fortuna non siamo più in emergenza, ma non solo: da poche settimane è attiva in molte regioni anche la prescrizione elettronica (o dematerializzata) delle ricette bianche.

Il medico quindi può inserire nel sistema la ricetta elettronica anche per i prodotti non mutuabili e inviare il codice (NREB) al paziente anche con un messaggio sul telefono. Ora con questo codice e con il codice fiscale le persone possono recarsi in farmacia e il farmacista può dispensare, in qualsiasi farmacia, i medicinali esattamente prescritti dal medico.

Problema risolto, quindi.

Naturalmente questo vale per i farmaci; per gli integratori, spesso confusi con farmaci ma non sottoposti a limiti di prescrizione, qualsiasi strumento va bene, sia una foto che una richiesta verbale, che qualsiasi altro modo.

Rimangono non prescrivibili elettronicamente alcuni farmaci, come gli stupefacenti: qui i limiti sono più stretti e sia il medico che il farmacista che il paziente non possono far altro che rispettarli.

 

Per saperne di più leggi qui

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Allattamento al seno e salute

Allattamento al seno e salute

Uno degli interventi di salute pubblica più rilevanti in termini di efficacia e di rapporto costo/beneficio è la promozione e sostegno dell'allattamento al seno perché allattare al seno fa bene al bambino ed alla mamma.

Il latte matern...

Quanta energia posso usare?

Quanta energia posso usare?

Il metabolismo basale è la misura di quanta energia serve per “vivere” senza fare altre attività: semplicemente quello che serve per far funzionare il corpo a riposo, quindi, per mantenersi in vita, respirare, digerire, far circolar il sa...

Tiriamoci su

Tiriamoci su

C'è un gran numero di integratori che possono aiutare a recuperare le forze in questi mesi caldi.

Permixon: prostata e Serenoa Repens

Permixon: prostata e Serenoa Repens

Serenoa Repens: questo nome un po’ strano si riferisce a una palma di piccole dimensioni che cresce spontanea nel sud-est degli Stato Uniti (detta appunto Palma nana) ed usata da millenni dagli indigeni per i problemi delle vie urinarie.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30