search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

PEA: un nuovo antidolorifico

Palmitoiletanolamide è davvero una parolaccia impossibile da pronunciare: chiamiamola confidenzialmente PEA, che è meglio.

È una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo che svolge una serie di funzioni non ancora completamente definite e molto complesse, cosa che accade spesso negli esseri viventi: la stessa sostanza può stimolare certe funzioni, inibirne altre e promuoverne altre ancora.

Il motivo per cui si è preso in considerazione l’uso di questa sostanza risale alle ricerche svolte da Rita Levi Montalcini sui sistemi endogeni di protezione: l’ipotesi di un’azione antinfiammatoria ed in generale protettiva rispetto ai danni alle cellule ed ai neuroni dovuti all’infiammazione svolta dalla PEA è poi stata confermata.

Oggi si è capito che lavora a diversi livelli.

Il primo è un’attività rapida di riduzione del dolore e di protezione per le cellule che può essere attribuita alla modulazione di alcuni percorsi dell’infiammazione (inibisce l’azione delle sostanze proinfiammatorie). Tipicamente la produzione endogena di PEA è massima proprio nelle zone infiammate ed in alcuni studi la sua attività antinfiammatoria si è rivelata più efficace dell’ibuprofene.

Altre azioni, più lente e profonde, sono spiegabili attraverso il fatto che la PEA modula l’attività di alcuni geni coinvolti nella “produzione” dei recettori della cannabis (CB1): il loro nome si deve al fatto che sono il “bersaglio” anche dei principi attivi antidolorifici della Cannabis indica. Aumentando la densità di recettori CB1 sulle cellule si incrementa la sensibilità ad alcune sostanze naturalmente prodotte dall’organismo, dette cannabinoidi endogeni (peptidi, cioè pezzettini di proteine), che partecipano alla modulazione del dolore.

Un’ulteriore ipotesi è che la PEA sia metabolizzata al posto dei cannabinoidi endogeni incrementando quindi la loro concentrazione ed aumentando così l’attività sugli stessi recettori della cannabis. In un modo o nell’altro andiamo sempre ad agire sui vari e complessi meccanismi del controllo naturale del dolore.

In pratica a cosa serve la PEA?

Può essere una buona soluzione per i dolori cronici, come il dolore neuropatico, che non si risolvono con i normali antidolorifici, analogamente o insieme all’acido lipoico, altra sostanza naturale efficace ma dal meccanismo di azione poco conosciuto.

Nel dolore neuropatico si sa che sono coinvolti processi sia d’infiammazione che mutamenti della sensibilità percettiva, a livello locale e del sistema nervoso centrale. L’utilità della PEA dipende dalla grande concentrazione di recettori CB1 sulle fibre che conducono lo stimolo doloroso afferenti al midollo spinale. La cannabis si sa che agisce anche a livello della percezione, e così accade anche ai cannabinoidi endogeni  che agiscono sugli stessi recettori.

Il vantaggio è che, essendo un prodotto naturalmente presente nel nostro organismo, sembra non abbia praticamente alcun effetto collaterale, né alcun problema noto di sicurezza. Nell’organismo la PEA non viene infatti immagazzinata ma sintetizzata al momento e rapidamente metabolizzata da un enzima specifico: questo migliora il suo profilo di sicurezza.

In generale per sfruttare pienamente le sue potenzialità conviene assumerla per un periodo abbastanza lungo, qualche settimana o qualche mese, in modo da sfruttare sia l’azione rapida antinfiammatoria che quella lenta di modulazione della sensibilità al dolore.

Finora nelle sperimentazioni sono stati usati dosaggi da 300 a 1200 mg. Più che una relazione dose/efficacia è stato però osservato un aumento dell’effetto col prolungamento del tempo di trattamento: quindi non serve prenderne di più, ma piuttosto più a lungo.

 

Per saperne di più leggi qui

 

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Diabete, cosa fare?

Diabete, cosa fare?

A volte è fastidioso sentirsi ripetere sempre le stesse cose; ma quando si tratta della verità è saggio prestare ugualmente attenzione.

Per esempio si sa bene, ormai, che il diabete non è una malattia inevitabile:

Quanta energia posso usare?

Quanta energia posso usare?

Il metabolismo basale è la misura di quanta energia serve per “vivere” senza fare altre attività: semplicemente quello che serve per far funzionare il corpo a riposo, quindi, per mantenersi in vita, respirare, digerire, far circolar il sa...

Tiriamoci su

Tiriamoci su

C'è un gran numero di integratori che possono aiutare a recuperare le forze in questi mesi caldi.

L'iniezione sottocutanea

L'iniezione sottocutanea

Sempre più spesso si usano farmaci che vengono somministrati con iniezione sottocutanea. Che siano anticoagulanti, usati frequentemente dopo traumi o interventi chirurgici che comportano immobilizzazione, insulina, o prodotti omeopatici, ...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30