search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Obbligo di ricetta: perchè?

ricetta medica

La ricetta medica è l’indicazione, da parte del medico al paziente, di avviare un certo tipo di terapia o un percorso diagnostico – terapeutico.

Nel caso di ricetta farmaceutica il medico dice al farmacista di dare al paziente un preciso farmaco: ma quali farmaci hanno obbligo di ricetta?

L’obbligo di ricetta è una garanzia per il paziente, non un fastidio. Tutti i farmaci sono potenzialmente pericolosi, ma lo Stato, che attraverso il Ministero della Sanità si occupa di protezione della salute della popolazione, considera che alcuni principi attivi o alcune sostanze siano sufficientemente sperimentati, conosciuti e ragionevolmente poco pericolosi, che la loro vendita non deve avvenire sotto il controllo del medico ma solo quello del farmacista; per altri prodotti questo non è prudente.

In pratica ci sono una serie di “sfumature” in queste classificazioni:

  • Integratori: sono sostanze chimiche o naturali che in dosi adeguate sono assimilabili ad alimenti, quindi non pericolosi. Questi si possono comprare senza ricetta ed anche fuori della farmacia.
  • Farmaci da banco: sono farmaci sicuri e conosciuti da anni che si pensa possano essere gestiti anche dai singoli pazienti, ma si comprano in farmacia (o parafarmacia) per avere comunque un filtro da parte del farmacista che ne possa valutare l’uso corretto. Spesso sono le stesse sostanze presenti in farmaci con obbligo di ricetta, ma in dosi (per singola somministrazione) e quantità limitate. Per questi farmaci è anche permessa la pubblicità.
  • Farmaci con obbligo di ricetta: qui si entra nel campo dei farmaci che sono utilizzabili solo se prescritti dal medico, ma anche in una selva di norme che devono garantire la sicurezza del paziente per principi attivi via via più pericolosi (ricetta semplice, con limitazione temporale, non ripetibile, limitativa ecc.) e per uso cronico.
  • Farmaci mutuabili: in questo caso non si tratta di questioni di sicurezza ma solo di efficacia terapeutica, tale per cui lo Stato decide che, se prescritti dal medico convenzionato, possano essere prelevati in farmacia e la spesa sostenuta dal Servizio Sanitario Nazionale. Obbligo di ricetta e mutuabilità non sono necessariamente connessi.

 

Quindi l’obbligo di ricetta dovrebbe essere limitato ai farmaci pericolosi.

In pratica però ci sono numerose contraddizioni perché esistono in commercio farmaci identici con nomi diversi, alcuni con obbligo di ricetta, altri senza o addirittura classificati come integratori. Come è possibile?

Un paio di esempi: l’acetilcisteina 600 mg per 30 dosi (fluidificante del catarro) di chiama Acetilcisteina 600 o Fluimucil 600 (farmaco su ricetta), o Solmucol (SOP, senza obbligo di ricetta) o Uncadep (integratore). Le dieci dosi sono farmaco da banco.

Oppure: il pantoprazolo 20 mg 14 cps (un protettore dello stomaco con tanti nomi diversi) è con obbligo di ricetta, ma nello steso numero di compresse e uguale dosaggio anche da banco (Pantoloc Control, Maalox Reflusso ed altri, che naturalmente costano molto di più).

Come mai?

Il Ministero in realtà non dà delle indicazioni generali relative alla pericolosità, ma autorizza la commercializzazione a seguito di una domanda. Mettiamo che l’industria Pinco chieda, e ottenga, il permesso di mettere in commercio un farmaco con ricetta. Se l’industria Pallino chiede di poterlo vendere come “da banco” e il Ministero lo ritiene abbastanza sicuro, allora ecco che diventa anche “da banco”, ma questo non modifica la condizione del primo se il produttore Pinco non lo chiede. Di solito i farmaci da banco costano molto più di quelli con ricetta, quindi l‘industria li apprezza molto.

Questioni burocratiche ed economiche, quindi, spesso paradossali, che minano la fiducia delle persone nella ragionevolezza delle regole. Il farmacista, esperto in slalom normativi per mettere al centro le esigenze di salute delle persone, spesso cerca un’applicazione di buon senso delle regole, ma non sempre è possibile. Si fa quel che si può.

Ma non si dimentichi mai che anche i farmaci senza obbligo di ricetta possono fare molto male, se usati male.

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Prendersi cura degli anziani

Prendersi cura degli anziani

La vita delle persone è così lunga che quasi in ogni famiglia accade che ci sia bisogno di occuparsi della salute e della vita di un anziano. La complessità di questa condizione è tale che qui possiamo solo suggerire alcuni elementi che è...

Farmaci che non fanno dormire

Farmaci che non fanno dormire

L’insonnia è un problema ricco di sfaccettature: stile di vita, età, abitudini, farmaci, umore, ansia sono solo alcuni dei fattori che possono incidere sulla qualità e quantità del sonno.

Tra questi, i farmaci hanno un ruolo particolar...

Un tempo per ogni cosa

Un tempo per ogni cosa

C'è il tempo per fare e quello per dormire: se il ritmo è alterato come facciamo?

Farmaci scaduti: dove metterli (in breve)

Farmaci scaduti: dove metterli (in breve)

Raccogliere e smaltire correttamente i farmaci scaduti è senza dubbio un gesto importante per la salvaguardia dell'ambiente: per questo presso tutte le farmacie ci sono dei contenitori dedicati a questo scopo.
La distruzione di questi fa...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

    sabato 8.30 - 12.30