search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Non riesco a dormire: luce e buio

Il corretto ritmo sonno veglia è un importante fattore per il mantenimento di un buono stato di salute. Di giorno si fanno diverse attività e di notte si dorme, questa sarebbe la regola. La luce ci attiva, il buio favorisce il sonno: non sembri un’affermazione banale, perché spesso l’insonnia è dovuta proprio alla scarsa considerazione di questo ritmo e di questa percezione luminosa. Non tutti però fanno lavori usuranti come i turni notturni: cosa si dunque alterare involontariamente negli insonni?

I fattori che favoriscono il corretto ritmo sonno/veglia sono molti:

L’ora del sonno dipende dai cosiddetti cicli circadiani, cioè quelle variazioni nell’attività biologica che sono regolate da meccanismi a livello celebrale in funzione dell’alternanza giorno/notte.

Il nostro orologio biologico che, in condizioni normali, è regolato sulle 24 ore, risente di stimoli naturali (giorno-notte, caldo-freddo), ma anche sociali come le nostre abitudini (orario dei pasti, lavoro ecc.). Naturalmente è fondamentale anche il ruolo della stanchezza, la naturale spinta alla ricerca del riposo per mantenere un equilibrio tra veglia e sonno, la cosiddetta omeostasi.

Di giorno l’ormone che ci attiva è il cortisolo, molto presente al mattino per poi ridursi nel corso della giornata; a partire dalla sera e durante la notte l’ormone più secreto è la melatonina.

È interessante il fatto che gli orologi circadiani non siano presenti solo nel cervello, dove sono stimolati soprattutto dai segnali visivi (luce/buio), ma anche in altri organi: nel fegato, nei polmoni, nel cuore, nell’intestino. In realtà le nostre cellule esprimono ciclicamente fino a un terzo dei geni che ne caratterizzano l’attività nei diversi momenti della giornata, in maniera specifica. Il tutto concorre a modificare nel corso delle 24 ore il nostro metabolismo, la temperatura, ma anche la nostra attenzione, la reattività e la prestazione sia fisica che psichica. Rispettare questi ritmi quindi è un fattore che ci permette di avvicinarci più correttamente alla gestione del sonno.

Date queste premesse, poichè il fattore primario di regolazione è la luce, un ritmo di vita sano prevede un attenuarsi dell’illuminazione quando ci avviciniamo all’ora del sonno, rinunciando ad attività notturne, mentre per essere ben svegli al mattino è un elemento salutare “tuffarsi”, come prima attività, nella luce forte del giorno. Un suggerimento questo utile soprattutto per gli anziani, che possono trarre un certo rinvigorimento proprio da questa abitudine.

La televisione la sera andrebbe spenta con un po’ di anticipo: sia visivamente che emotivamente è “fatta apposta” per tenerci svegli stimolando adrenalina e cortisolo quando non sarebbe il momento.

Se possibile sono da evitare i sonnellini diurni: alterano il ritmo sia dal punto di vista ormonale che visivo (le palpebre ci portano al buio); inoltre diminuiscono la spinta omeostatica della stanchezza serale.

Cibo e pasti notturni andrebbero evitati: anch’essi sono un segnale che il corpo percepisce come uno sfasamento del ritmo sonno/veglia. I movimenti intestinali tendono a rallentare molto dopo le 22 per riprendere intensamente al mattino con la colazione. Ricordiamo che ci sono sensori circadiani anche nell’intestino e che anche il microbiota intestinale ne è influenzato e a sua volta li regola. La loro alterazione, a questo livello, può interferire quindi, ad esempio, con la risposta immunitaria.

Lo stesso vale per l’esercizio fisico: il momento di massima tonicità fisica è nel pomeriggio, sia dal punto di vista cardiovascolare che neurologico. Anche il cuore ha un suo orologio circadiano.

La melatonina è l’ormone associato alla ripresa del sonno: le persone con problema di regolarità nel ritmo del sonno, quindi, possono provare ad usarla. Facendo riferimento ai livelli fisiologici, si può pensare che con dosaggi bassi e un rilascio prolungato si possa riuscire a mimare al meglio la condizione fisiologica.

 

Per saperne di più leggi qui

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Crisi epilettica: come comportarsi?

Crisi epilettica: come comportarsi?

L'epilessia è una malattia neurologica in cui accade che alcuni circuiti neuronali all’interno del cervello si attivano in modo autonomo. Quando questo accade, si possono verificare diverse condizioni, dalla semplice “assenza” (perdita di...

Farmaci che non fanno dormire

Farmaci che non fanno dormire

L’insonnia è un problema ricco di sfaccettature: stile di vita, età, abitudini, farmaci, umore, ansia sono solo alcuni dei fattori che possono incidere sulla qualità e quantità del sonno.

Tra questi, i farmaci hanno un ruolo particolar...

Un tempo per ogni cosa

Un tempo per ogni cosa

C'è il tempo per fare e quello per dormire: se il ritmo è alterato come facciamo?

Diario alimentare

Diario alimentare

Il diario alimentare è uno strumento molto utile per capire come la dieta influenza il nostro benessere. Spesso la nostra percezione di quello che mangiamo è un po' diversa dalla realtà: il diario ci aiuta a essere più oggettivi ed a comu...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

    sabato 8.30 - 12.30