search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Memoria e paura di dimenticare: come mantenere una memoria che funziona

memoria

La memoria, si sa, cambia col tempo. Da giovani si è pronti a ricordare quello che accade, ma anche a dimenticare qualcosa che non ci interessa (soprattutto i piccoli dispiaceri), totalmente proiettati in un futuro tutto da costruire. Dimenticare quello che non ci serve ci salvaguarda dai traumi, dalla sfiducia, dalla paura del futuro, ci fa stare nel presente pronti a cogliere, ed a fissare, le esperienze che ci fanno crescere.

Da vecchi invece i ricordi del passato continuano ad affiorare, fino a essere quasi rivissuti, mentre la memoria a breve, quella che ci fa ricordare dove abbiamo appoggiato gli occhiali o le chiavi di casa, è sempre più incerta.

È facile intuire che queste due attitudini della memoria sono coerenti con due diversi approcci alla vita: quella tutta da affrontare dei giovani, proteggendosi dai rimorsi degli inevitabili errori ed incoraggiando l’attenzione, e quella, lunga e tutta da ricordare dei vecchi, magazzini di esperienze ormai più portati ai bilanci, al riassaporare, che al progettare il nuovo (sempre con le dovute eccezioni).

La memoria è quindi uno strumento per vivere che si aggiorna in funzione dei bisogni.

Qualsiasi sia età della vita, però, c’è qualcosa che serve a ricordare: l’emozione di cui si fa carico l’immagine, il fatto, l’azione; quello che diventerà un ricordo.

Maggiore è il coinvolgimento emotivo, maggiore sarà la capacità di fissare il ricordo.

Se una cosa ci interessa davvero, se c’è emozione, se ci coinvolge, se per noi è davvero importante, il sistema emotivo porterà il suo grande peso nel processo di fissazione del ricordo. Col tempo, soprattutto durante il sonno, l’emozione vissuta aiuterà la creazione di quelle connessioni neuronali, quella miriade di contatti tra reti di cellule nervose nel cervello, che faranno sì che sia facile, nel futuro prossimo o distante, ripercorrere mentalmente quelle immagini, quei fatti, quelle azioni, quelle emozioni: cioè ricordare.

Da tutto questo due piccole considerazioni:

  • la prima è che, probabilmente, nella facilità di dimenticare di molti anziani c’è un sostanziale disinteresse per il presente. L’attenzione viene nutrita dalle cose importanti: cosa ci interessa davvero nella nostra vecchiaia? Questa è una domanda che vale la pena di farsi.
  • La seconda è che se l’attenzione è il nutrimento dei ricordi, la paura di dimenticare (una paura molto emozionante) distoglie una buona fetta dell’attenzione. Ne rimane quindi meno per attivare il processo di consolidamento dei percorsi neuronali, cioè del ricordare.

Niente di meglio, quindi, per perdere la memoria che “aver paura di perdere la memoria”. Se ci teniamo ad una vita attiva, presente e ricca, questo è un terribile circolo vizioso da cui stare assolutamente alla larga. Anche qui la paura è davvero una cattiva compagnia.

Niente paura, quindi, di dimenticare: mai lasciarsi intimorire.

Se poi abbiamo voglia di mantenere una buona memoria anche da anziani, nutriamola piuttosto di futuro: di speranze, di progetti, di desideri. Se non saranno i nostri, ma quelli per qualcuno cui vogliamo bene, ai fini della qualità della nostra vita funziona uguale.

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28914221

https://www.farmaciazanini.it/index.php/articolo/ricordarsi

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Influenza: mi vaccino o faccio altro?

Influenza: mi vaccino o faccio altro?

Novembre: stagione delle vaccinazioni per l’influenza.

La domanda che viene fatta ogni giorno è: faccio o non faccio il vaccino?

Facciamo il punto:

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è  causato da una lesione o disfunzione del sistema nervoso somatosensoriale, un sistema di comunicazione del corpo umano che permette di avvertire tatto, pressione, temperatura, posizione, movimento e vibrazione che...

Tanti dolori diversi

Tanti dolori diversi

Per affrontare nel modo giusto il dolore fisico bisogna capire che origine ha.

Cosa stiamo imparando dal Coronavirus?

Cosa stiamo imparando dal Coronavirus?

Stiamo imparando molto: a lavarci le mani, ad esempio, a capire come evitare di contagiarci e contagiare gli altri, a stare a casa quando si è ammalati.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30