search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Liquirizia

liquirizia

“Dolce radice” è questo il significato originario di liquirizia, pianta della famiglia delle leguminose di cui esistono 18 specie differenti. La più interessante dal punto di vista medicinale è glycyrrhiza glabra una pianta erbacea perenne originaria del Medio Oriente e utilizzata nella medicina cinese ed egiziana fin dall’antichità.

Famosa e largamente impiegata anche nell’industria alimentare per il suo sapore caratteristico dalle note dolciastre (è un potente dolcificante) rappresenta un rimedio tradizionale contro ulcere gastro-duodenali ed è efficace come espettorante per le affezioni catarrali delle alte vie aeree grazie al suo contenuto in mucillagini e alla glicirrizina.

Numerosi studi hanno evidenziato che la componente più importante è appunto la glicirrizina, sostanza che possiede sia un documentato effetto antinfiammatorio, antiossidante, antibatterico ed antivirale, che un’influenza importante sugli equilibri idrosalini del corpo (ritenzione iderica ed aumentata secrezione di potassio). Questi ultimi possono essere sfruttati positivamente nei casi di bassa pressione arteriosa che spesso si acuiscono nella stagione estiva dando luogo a capogiri e debolezza generalizzata. Gli effetti in questo caso sono particolarmente soggettivi: alcune persone si dimostrano molto sensibili, altre quasi del tutto indifferenti. Poichè la glicirrizina non è assorbita a livello intestinale ma metabolizzata in composti assorbibili dal microbiota, è probabile che le differenze soggettive siano dovute anche alla diversa popolazione microbica intestinale dei soggetti.

L’acido glicirretico, il più importante di questi composti assorbibili, è stato segnalato per le proprietà antinfiammatorie ed epatoprotettive e partecipa a tutte le azioni benefiche della liquirizia.

In generale al contenuto di flavonoidi sono attribuibili molte delle attività utili alla salute. Molti altri effetti sono oggetto di studio soprattutto “in vitro”: azioni antimutagene, neuroprotettive, psicoattive ecc.

La parte attiva della liquirizia sono le radici: per sfruttarne appieno i benefici si possono assumere spezzettate sotto forma di decotto (2 cucchiaini da tè per tazza 2 volte al dì). In alternativa ci sono i tronchetti di succo puro ottenuto dalle radici tritate e bollite fino a formare un fluido molto denso e concentrato che si lascia solidificare in pani o stecche: si possono lasciar sciogliere in bocca o in acqua calda (2 grammi al giorno equivalgono a 7-8 tronchetti).

Effetti collaterali noti sono quelli legati all’aumento della pressione e in generale quelli mineralcorticoidi, cioè simili a quelli del cortisone (in parte dovuti alla riduzione della sua metabolizzazione), legati comunque a dosaggi elevati di glicirrizina; per evitarli il trattamento non va prolungato oltre le 6 settimane ed è controindicato nei casi di ipertensione.

 

Par saperne di più leggi qui

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Allattamento e farmaci

Allattamento e farmaci

Si possono prendere farmaci mentre si allatta?

Il latte materno è l’alimento ideale per la crescita e la salute del bambino. Quasi tutti i farmaci passano nel latte materno ma, nella maggior parte dei casi, il neonato ne assume attrave...

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Zoloft, Prozac, Elopram, Cipralex e tanti altri: gli antidepressivi di nuova generazione, tecnicamente chiamati SSRI e SNRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina), sono tra i farmaci più utilizzati nelle società occidentali.

SI-curo: i farmaci a portata di mano

SI-curo: i farmaci a portata di mano

Chi ha terapie complesse sa quanta attenzione ci vuole a non dimenticare nulla: per sé e per i propri cari oggi c'è un modo semplice per non dimenticare mai nulla.

Ventolin: quando usarlo?

Ventolin: quando usarlo?

Il Ventolin, cioè il salbutamolo, è un farmaco che molti conoscono perché è forse il più famoso degli antiasmatici. La sua funzione è quella di dilatare i bronchi permettendo quindi un maggior flusso di aria nei polmoni.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30