search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

I vermi dei bambini

ossiuri

L’infestazione di vermi più comune nei bambini è quella dei cosiddetti ossiuri.

Sono dei piccoli filamenti bianchi, mobili, che colonizzano l’intestino (solo degli umani) e di cui ci si accorge soprattutto per il prurito all’ano.

Quasi il 20% dei bambini ne è colpito. La loro diffusione, oggi estesa indifferentemente dalle condizioni sociali e sanitarie, avviene per via orofecale. Questo vuol dire che attraverso le feci vanno a contaminare tutto ciò che viene a contatto: in primis le mani non lavate. Il contatto delle mani con il cibo e con la bocca permette alle uova di rientrare nel corpo.

Il più delle volte non abbiamo sintomi, ma quando il numero di vermi è elevato ci sono dei fastidi: malessere intestinale, irrequietezza, e soprattutto prurito anale.

Il fatto di causare prurito è un tipico trucco evolutivo: durante la notte, inconsapevolmente, il bambino grattandosi il sedere e poi portando le mani alla bocca favorisce il ciclo di questi parassiti. Le uova sono vitali per un periodo che va da pochi giorni a 3 settimane ed ingerite si schiudono nell’intestino tenue. Le larve migrano fino al colon dove maturano nel giro di 2 – 6 settimane. Le femmine vivono da 1 a 3 mesi e si nutrono dei residui alimentari, in particolare di zuccheri. Durante la notte migrano fino all’ano dove depositano le uova (anche 20.000!) e poi muoiono. Le larve possono risalire verso il colon o essere asportate dal grattamento, assieme alle uova, e riprendere il ciclo attraverso la bocca. Le uova, che sono leggermente adesive, finiscono nell’ambiente con le feci ma anche attraverso la dispersione sugli indumenti a causa del grattamento: intimo, pigiama, lenzuola. Insomma: una buona organizzazione per approfittare di qualsiasi occasione di sopravvivenza.

Pare che ci sia un sincronismo con le fasi lunari e che l’ovulazione corrisponda con la luna piena e quella nuova.

Come scovarli? Non è facile vederli nelle feci, a meno che l’infestazione non sia di dimensioni consistenti. In presenza di prurito anale, che è il sintomo più frequente, un’osservazione accurata dell’ano del bambino permette spesso di scovarli: sono piccoli filamenti biancastri di circa 1 cm di lunghezza, piuttosto mobili. Quando devono deporre le uova pare sono attratti dalla luce.

Le uova sono invece invisibili ad occhio nudo: lo “scotch test” consiste nell’appiccicare dello scotch nella zona perianale; se ci sono delle uova, queste si attaccano al nastro adesivo che osservato in laboratorio con un microscopio permette il riconoscimento. Operazione non facilissima quindi, ed il più delle volte non indispensabile: i vermetti si vedono bene.

Come interrompere quindi il ciclo?

I farmaci sono piuttosto efficaci: agiscono nell’intestino bloccando la mobilità dei vermi o uccidendoli ed il mebendazolo (Vermox) è attivo anche sulle uova. Vanno somministrati almeno due volte a distanza di due settimane in modo da interrompere il ciclo prima che le larve rimaste o riportate nel ciclo diventino adulte e possano riprodursi. Una terza somministrazione può dare una garanzia maggiore di eradicazione del problema. Qualche larva o qualche uovo può sempre scappare: per questo è opportuno trattare l’intera famiglia, anche se non ci sono sintomi.

Lavare le mani accuratamente (anche spazzolando con cura sotto le unghie) è una misura igienica fondamentale, specialmente prima di maneggiare alimenti, così come evitare il contatto con gli indumenti sporchi e lavare lenzuola e asciugamani, accappatoi ecc. almeno a 40 °c.

Una crema antiemorroidale contenente solo dell’anestetico può eliminare il prurito notturno e quindi, oltre a dare sollievo, contribuire all’interruzione del circolo vizioso (o vitale, dal punto di vista dei vermetti).

E’ importante che le scuole siano avvisate dell’infestazione: condividere l’informazione con le famiglie è l’unico modo per bloccare la diffusione negli ambienti di contatto tra i bambini.

 

Per saperne di più leggi qui

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Allergia ai pollini: il rimedio più semplice

Allergia ai pollini: il rimedio più semplice

Le allergie ai pollini sono un problema davvero fastidioso nella stagione critica: rinite, occhi che lacrimano, starnuti…

Ci sono tanti tipi di possibili rimedi e un aiuto davvero semplice.

A cosa serve la paura?

A cosa serve la paura?

La paura è utile? Avere paura di ammalarci aumenta la nostra attenzione e la capacità di difenderci dalla malattia? O addirittura, spossandoci o modificando la percezione della realtà, ci fa ammalare?

Tanti dolori diversi

Tanti dolori diversi

Per affrontare nel modo giusto il dolore fisico bisogna capire che origine ha.

Cosa fanno gli olii essenziali

Cosa fanno gli olii essenziali

Gli aromi delle piante sono delle sostanze preziose ed utili che si possono estrarre attraverso un processo di distillazione: quello che si ottiene sono gli olii essenziali, una ricco panorama di prodotti dall’odore forte e facilmente vol...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30