search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Fatti, informazione e salute

Cosa c’entrano fatti, informazione e salute?

La questione è la seguente: la nostra salute risente moltissimo dell’ambiente in cui viviamo e di come lo percepiamo. Per stare bene non basta mangiare correttamente, fare movimento, non fumare e mettere in atto tutte le strategie di prevenzione che ogni giorno ci vengono ripetute. Ci vuole anche un ambiente sano, che è fatto non solo di aria buona e bel paesaggio, ma anche da un contesto relazionale e sociale adeguati.

Se i nostri rapporti interpersonali ci fanno stare male, se litighiamo con moglie, marito o fidanzati, se i figli ci portano solo preoccupazioni, se non abbiamo una prospettiva di futuro, stiamo male e ci ammaliamo più facilmente. Se non troviamo lavoro, se non abbiamo le condizioni minime per vivere, rischiamo moltissimo per la nostra salute. Tutto questo è ovvio e lo sperimentiamo quotidianamente, ma anche studi epidemiologici lo dimostrano con forte evidenza. La salute quindi non è solo una questione d’impegno personale, ma anche di società e quindi di scelte politiche (il governo della polis).

Più sottile e nascosto è il tema dell’informazione. La nostra visione del mondo, da cui conseguono le nostre scelte, si forma e si consolida in gran parte su due pilastri: le nostre esperienze dirette e ciò che leggiamo o sentiamo attraverso i media (social o tradizionali).

Spesso le nostre esperienze dirette sono abbastanza positive: abbiamo dei buoni vicini, dei discreti compagni di lavoro, una rete sociale di relazioni con cui ci confrontiamo positivamente e che in una situazione difficile ci viene in aiuto; altrettanto spesso il mondo descritto dai media è negativo, conflittuale, problematico, brutto, ansiogeno.

È veramente così il mondo?

La maggior parte dei dati statistici ci dice il contrario: diminuiscono i conflitti (anche se ce ne sono ancora moltissimi), una buona fetta dell’umanità sta uscendo dalla povertà (anche se sono ancora moltissimi i disperati), la maggior parte delle persone si comporta onestamente (anche se esistono sempre i furbi e i farabutti), i servizi forniti dal sistema pubblico tendono a migliorare (pur con molte contraddizioni). Su questo sono stati scritti libri ben documentati: eppure la descrizione della realtà fatta dai media è molto peggiore di quella vera. A volte scopriamo che quasi sono due realtà differenti.

Perché? È semplice: conflitti, paura, ansia, problemi, omicidi ecc. sono molto più interessanti della normale vita. Non a caso film di guerra, libri gialli, canzoni di amori tristi e altre storie simili sono per noi le più accattivanti. I media vendono meglio le notizie brutte, le difficoltà e i problemi rispetto alle notizie buone che pure esistono. L’informazione è condizionata inevitabilmente da questa tensione commerciale, dal problema esclusivamente economico di vendersi.

Se teniamo conto di questo, forse, possiamo mettere un filtro tra l’informazione e la nostra vita. Possiamo, e probabilmente sarà bene che lo facciamo, guardare con più attenzione alla nostra esperienza diretta (di solito positiva per la maggior parte di noi) e riequilibrare con un po’ di serenità il peso dei messaggi che ci inviano i media.

E per contribuire anche noi al benessere collettivo possiamo fare un piccolo gesto quotidiano, uscire dall’abitudine di raccontare qualcosa di negativo o di lamentarci, per renderci più interessanti agli occhi dei nostri interlocutori: chi di noi non l’ha mai fatto?

Tutto questo genera l’ambiente che noi percepiamo ed ha molto a che fare con la nostra salute.

 

Per saperne di più leggi qui

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Le parole della salute

Le parole della salute

“Le parole sono importanti!!!” urlava Nanni Moretti in un film di qualche anno fa. E a ragione.

Tanti esperimenti di linguisti e psicologi hanno dimostrato che un certo linguaggio, l’uso di un sinonimo invece che un altro, non solo des...

SiCuro: non dimenticare mai i farmaci

SiCuro: non dimenticare mai i farmaci

Il problema della continuità della terapia, la cosiddetta aderenza terapeutica, si è dimostrato di grande rilevanza soprattutto per la salute degli anziani che devono assumere molti farmaci quotidianamente.

Quale è la tua vera pressione?

Quale è la tua vera pressione?

Ci sono molti motivi per cui la pressione arteriosa varia molto durante la giornata: l'orario, le attività, le emozioni, i pasti.

Due cose sui contraccettivi ormonali

Due cose sui contraccettivi ormonali

I contraccettivi ormonali si possono utilizzare come pillola, cerotto o anello vaginale con efficacia sostanzialmente paragonabile: interrompendone l'uso, l'azione contraccettiva cessa.

La classica pillola dev'essere assunta per bocca ...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30