search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Enterogermina o dieta dopo gli antibiotici?

cibi prebiotici

Gli antibiotici, ormai è noto, hanno un pesante effetto collaterale la cui importanza è stata a lungo sottovalutata, ma di cui oggi abbiamo imparato qualcosa in più, e cioè demoliscono il microbiota intestinale. Questo porta ad una serie di conseguenze importanti anche sulla stessa resistenza alle infezioni perché proprio i microbi intestinali hanno un ruolo fondamentale nell’indirizzare correttamente la risposta immunitaria.

Soprattutto in una zona tra l’intestino tenue e il crasso ci sono delle cellule particolari, dette dendritiche, con delle appendici che sono come dei sensori immersi nel lume intestinale che sentono quello che passa. A seconda di quello che trovano, il segnale che rilasciano sarà di stimolare una risposta infiammatoria, liberando mediatori dell’infiammazione nel circolo sanguigno, o il contrario, cioè un’azione detta “tollerogenica”.

I mediatori infiammatori poi vanno a fare quello che devono fare, cioè creano infiammazione soprattutto dove già c’è un processo in corso, e qui sta la differente risposta a seconda delle persone, della loro genetica e della loro condizione momentanea: dalla dermatite ai crampi intestinali, dall’asma all’artrite a molte altre condizioni in vari distretti del corpo. Tutte queste situazioni hanno in comune di derivare da una risposta infiammatoria.

Il rimedio più comune alla “strage di batteri” causata dagli antibiotici è quello dei cosiddetti fermenti lattici, o probiotici: non si sa bene se e come funzionano, ma l’idea di rigenerare il microbiota intestinale mettendoci dei microbi “buoni” non è da buttare, anche perché gli strumenti alternativi sono pochi e perché (quasi sempre) non danno problemi. Su quale sia il più efficace non ci sono molti elementi per decidere allo stato dei fatti. Quelli più vecchi, come l’Enterogermina, sembrano meno efficaci di altri che contengono quantità maggiori di batteri e di ceppi, ma la risposta è del tutto individuale. Tutti gli studi che sono stati fatti danno ad oggi risultati limitati e discutibili. L’unica è provare.

L’altro possibile rimedio è “dar da mangiare” ai microbi quello che favorisce lo sviluppo di microbi buoni lasciando perdere quello che favorisce quelli cattivi. Questi cibi si chiamano prebiotici.

Anche qui solo indicazioni generali: fibre, cotte e crude, sono sempre gradite ai microbi migliori. Se accompagnate da sostanze amare, ancora meglio. Logica conseguenza, quindi, stare alla larga dai dolci che favoriscono specie, sia batteriche che fungine (candida), che già hanno la strada spianata dalla strage di microbi buoni fatta dall’antibiotico. L’inulina, un derivato della cicoria, è una di queste fibre che si possono aggiungere alla dieta.

Le proteine di origine animale pare non vadano granché bene: quindi, prima della bistecchina, è meglio una dieta fondamentalmente vegetariana per qualche giorno, fino a quando l’intestino ha ripreso per bene la sua funzionalità. Indicatori facili del fatto che c’è qualcosa che non va sono il gonfiore e la stitichezza, quindi una dieta che li favorisce è da evitare.

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Covid grave: cosa succede?

Covid grave: cosa succede?

Covid è una malattia particolare per molti motivi, ma ciò che preoccupa di più è la sua imprevedibilità:

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Zoloft, Prozac, Elopram, Cipralex e tanti altri: gli antidepressivi di nuova generazione, tecnicamente chiamati SSRI e SNRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina), sono tra i farmaci più utilizzati nelle società occidentali.

SI-curo: i farmaci a portata di mano

SI-curo: i farmaci a portata di mano

Chi ha terapie complesse sa quanta attenzione ci vuole a non dimenticare nulla: per sé e per i propri cari oggi c'è un modo semplice per non dimenticare mai nulla.

Conosci il samovar?

Conosci il samovar?

Samovar è una parola russa che significa “che bolle da sé” e definisce un recipiente metallico somigliante a un boiler, dove far bollire l'acqua per preparare the e tisane. Più che di un semplice oggetto, si tratta di una presenza, un pro...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30