search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Cosa fare per le botte e gli ematomi

livido

L’ematoma è il tipico risultato di una botta o uno strappo: il trauma porta alla rottura di cellule, tessuti, capillari e talvolta anche di vasi sanguigni. La fuoriuscita di sangue dai capillari negli spazi tra le cellule porta al gonfiore che si somma all’edema derivante dall’infiammazione. Un ammasso di liquidi gonfia e stira i tessuti della parte coinvolta, già dolorante per la botta stessa, che lo diventa così ancor di più.

È chiaro dunque quello che bisogna fare: nell’immediato raffreddare la parte con acqua corrente o ghiaccio può attenuare il rigonfiamento grazie alla vasocostrizione, che limita l’accesso di sangue e delle sostanze richiamate dai processi di infiammazione, ma dopo un po’, quando la fase acuta è passata (parliamo di un tempo inferiore ad un’ora, in traumi non importanti), non serve più.

L’infiammazione, cioè l’accorrere di liquidi e sostanze nel sito di rottura delle cellule (globuli bianchi e altri fattori con varie funzioni di protezione e riparazione) può essere ragionevolmente contrastata dall’applicazione di antinfiammatori: diclofenac (Voltaren ed altri) e ketoprofene (Fastum gel ecc.) sono i più comuni, benché il secondo oggi sempre meno usato per il rischio di fotosensibilizzazione. Nel comparto della fitoterapia arnica e artiglio del diavolo sono i rimedi usati più comunemente (attenzione: arnica in gel o frizione, NON sotto forma di impacchi perché ustionano). Anche il metile salicilato (essenza della gaultheria procumbens) ha una dimostrata azione antinfiammatoria ed è componente di numerosi unguenti.

L’altra parte dell’ematoma, quella che col tempo diventa viola e poi giallastra a causa del sangue fuoriuscito dai vasi danneggiati, è più difficile da trattare. Una volta si usavano gli anticoagulanti (eparinoidi, come il vecchio Lasonil e oggi Essaven), ma sono stati quasi completamente abbandonati per la loro inefficacia.

Il problema è permettere un riassorbimento il più rapido possibile: se si tratta di un arto, un’articolazione, il movimento è il rimedio migliore perché riattiva la circolazione che favorisce il drenaggio, con una redistribuzione dei liquidi accumulati e lo smaltimento dei prodotti di degradazione delle cellule danneggiate. Quindi, viceversa, una fasciatura che immobilizza e costringe fa più male che bene: appena possibile, meglio muoversi.

Altrimenti l’arnica si rivela sempre utile grazie alla sua capacità di riattivare la circolazione. Tra i rimedi omeopatici Rhus toxicodendron e Primula possono aiutare.

L’argilla è certamente un buon coadiuvante perché favorisce la diminuzione dell’infiammazione ma contemporaneamente adsorbe direttamente una parte dei liquidi: sono necessarie però più applicazioni.

Per il resto, un po’ di tempo è il rimedio fondamentale.

 

Per saperne di più leggi qui

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Ictus: riconoscerlo in fretta

Ictus: riconoscerlo in fretta

Una caduta imprevedibile ed immotivata, una perdita improvvisa nel linguaggio, nel movimento o nella sensibilità di un arto o del viso, un terribile ed improvviso mal di testa: potrebbe essere un ictus? Decidere in fretta è essenziale per...

MERCOLEDI' della SALUTE: si ricomincia il 20 gennaio

MERCOLEDI' della SALUTE: si ricomincia il 20 gennaio

Ricostituenti: c'è qualcosa che funziona? 
Ecco il link per collegarsi
MERCOLEDI' 20 GENNAIO 2021 ALLE 20.30
Sergio Cattani e Paolo Zanini porteranno informazioni e ragionamenti
per orientarsi tra scienza e luoghi comuni
 

Ec...

Buon Natale e Buon Anno a tutti

Buon Natale e Buon Anno a tutti

Natale e Capodanno strani, quest'anno, ma come sempre se volete fare un regalo utile all'ultimo momento in farmacia abbiamo qualche idea:

A cosa serve il cortisone

A cosa serve il cortisone

Il cortisone è un insieme di sostanze, una classe di farmaci, la cui funzione è mimare una serie di funzioni fisiologiche, cioè naturalmente svolte nell’organismo, del cortisolo, che è un ormone secreto dalle ghiandole surrenali.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

    sabato 8.30 - 12.30