search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08:00 - 19:15

sabato 8:00 - 12:30

Menu mobile

Come smettere di allattare

allattamento

A un certo punto anche l’allattamento ha un termine. Il più delle volte avviene naturalmente con una lenta diminuzione della secrezione; altre volte (rare, in verità) delle necessità mediche impongono un termine più rapido, e vengono talvolta prescritti dei farmaci da parte del medico, ma il loro uso è rarissimo.

E’ certo meglio, e forse anche più efficace, assecondare la fisiologia della mamma.

Il latte viene secreto grazie alla presenza contemporanea della secrezione dell’ormone prolattina (soprattutto durante il sonno), di una sufficiente idratazione, dello stimolo dato dalla suzione da parte del bambino e dello svuotamento del seno. Quindi il modo più semplice per far regredire il latte è quello di diminuire l’idratazione (bere poco) e non attaccare più il bambino al seno.

Nei primi giorni  ci può essere un po’ di tensione mammaria. In questo caso si può spremere leggermente il seno per far uscire un po’ di latte ed evitare il rischio di congestione, ma non troppo per non stimolare ulteriormente la sua produzione. Di solito nel giro di qualche giorno tutto termina con gradualità.

Un rimedio tradizionale è quello di prendere il sale amaro: nient’altro che un purgante che facendo perdere liquidi diminuisce l’idratazione. E’ un rimedio superato che non vale la pena di suggerire: basta bere meno. Invece va evitata la fasciatura stretta del seno, come suggerito talvolta, perché è inutile e talvolta dannosa (aumenta il rischio di congestione).

Un altro aspetto da considerare è naturalmente la modificazione del rapporto col bambino. L’interruzione dell’allattamento non è un momento felice, di solito, ma uno dei passi indispensabili verso l’autonomia dei bambini. Spesso l’allattamento viene “trascinato”, soprattutto di notte, perché il bambino non dorme. Non siamo in questo caso nel campo della nutrizione, ma in quello della relazione affettiva con la mamma. Qui si può presentare un problema per molti motivi: di solito la qualità del sonno peggiora sia per la mamma che per il bambino, i ritmi digestivi non vengono rispettati, si entra in un circolo vizioso che lascia tutti insoddisfatti.

Ci vuole un po’ di coraggio, pazienza e tanto tanto affetto per consolare un bambino che a quel punto deve essere staccato. Qualche giorno di tenacia, una grandissima dedizione al bambino, in modo da far presente con tutta se stessa che la mamma è vicina ai bisogni del piccolo, e resistere alla inevitabile tentazione di “tornare indietro” riattaccandolo al seno, sono i punti fondamentali.

In termini più generali si può dire questo: l’allattamento è la più grande risposta affettiva che una madre può dare al suo bambino, ma crescere, cioè diventare indipendenti, vuol dire anche “staccare” l’elemento affettivo da quello del cibo. Il cibo deve nutrire soprattutto il corpo, l’affetto deve saziare l’anima. Se questa separazione non avviene, se rimane un’insoddisfazione affettiva in quel momento, ci potranno essere problemi nella relazione col cibo anche da grandi.

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Maalox bianco o Maalox Reflusso: che differenze ci sono?

Maalox bianco o Maalox Reflusso: che differenze ci sono?

Maalox è un marchio molto conosciuto di antiacidi che negli ultimi anni è stato esteso ad una certa varietà di prodotti: hanno lo stesso nome ma composizioni differenti.

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Antidepressivi e dipendenza: la gabbia da cui è difficile uscire

Zoloft, Prozac, Elopram, Cipralex e tanti altri: gli antidepressivi di nuova generazione, tecnicamente chiamati SSRI e SNRI (inibitori selettivi del reuptake della serotonina), sono tra i farmaci più utilizzati nelle società occidentali.

SI-curo: i farmaci a portata di mano

SI-curo: i farmaci a portata di mano

Chi ha terapie complesse sa quanta attenzione ci vuole a non dimenticare nulla: per sé e per i propri cari oggi c'è un modo semplice per non dimenticare mai nulla.

Come parlano i bambini

Come parlano i bambini

A pensarci bene, il fatto che i bambini, in poco tempo, imparino a capirci ed a parlare come noi è decisamente una meraviglia.

Dai sei mesi in poi i bambini entrano in una fase di straordinaria sensibilità (e “plasticità” celebrale) in...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

    Oppure inviaci un messaggio
    Accetta   la nostra privacy

    Iscriviti alla newsletter

    Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

    Accetto la privacy policy


    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



    ORARIO APERTURA

    lunedì - venerdì: 08.00 - 19.15

    sabato 8.00 - 12.30