search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Come possiamo affrontare le intolleranze? Guarire o gestire?

piatto colmo

Le intolleranze alimentari sono un problema molto complesso e sempre più diffuso. La medicina classica fatica a riconscerle, ma molti medici sono ben consapevoli della frequenza con cui interazioni col cibo possono contribuire a disagi che si manifestano con molti sintomi diversi. È un tema difficile in cui si riscontrano contemporaneamente un deficit di conoscenza con una variabilità individuale notevole.

L’approccio scientifico è complicato anche dal fatto che il fenomeno non è costante nel tempo, varia col mutare delle condizioni della persona: in certi giorni alcuni alimenti critici sono tollerati, magari in quantità piccole, in altri no. Come fare a orientarsi? Come aiutare il medico ad aiutarci?

Ecco alcuni suggerimenti.

1) Tenere un diario: la nostra memoria è spesso imprecisa e condizionata dagli eventi che ci colpiscono maggiormente, per cui un diario è uno strumento essenziale per tenere una traccia oggettiva di quello che mangiamo e di quello che sentiamo giorno per giorno. Sarà lo strumento fondamentale per una buona interazione col terapeuta.

2) Valutare le quantità: le intolleranze sono il più delle volte correlate alla quantità: se si mangia abbondantemente qualcosa che ci infastidisce, è più facile riconoscerlo che se assunto in dosi modeste.

3) Valutare le quantità ricorrenti: quello che si mangia molto di frequente, magari per anni, è coinvolto in fenomeni d’intolleranza più spesso di alimenti mangiati saltuariamente.

4) Bisogna sempre tenere conto delle condizioni della persona: per fare un esempio semplice, una persona stressata, qualsiasi sia l’origine dello stress, tende a tollerare meno gli alimenti verso cui ha manifestato una certa sensibilità.

5) Fare la lista degli alimenti sospetti e fare delle prove (mangiarli o non mangiarli) che durino almeno una settimana o due, meglio se osservandone uno solo alla volta.

Quali alimenti tenere “sotto osservazione”? Quali sono frequentemente coinvolti in fenomeni di intolleranze?

Spesso è da considerare la componente proteica della dieta, perché il sistema immunitario reagisce con l’infiammazione soprattutto alle proteine; ma dobbiamo osservare anche gli alimenti che modificano la composizione del microbiota spostandolo verso specie correlate all’infiammazione (come zuccheri, specie se tanti e raffinati, o, di nuovo, l’eccesso di proteine). Variazioni del microbiota significative si possono verificare anche quando ci sono diete fortemente sbilanciate e monotone.

Per compilare una lista semplificata che possa aiutare a dare un primo sguardo al problema, in base all’osservazione delle situazioni più comuni, si possono dividere gli alimenti in tre classi, o livelli di tolleranza, tenendo ben presente che siamo tutti diversi e ci possono essere situazioni in cui sono tranquillamente tollerati alimenti della prima classe e mentre c’è qualcosa di altre classi che fa male.

– livello 1) alimenti che sono frequentemente coinvolti in fenomeni di intolleranza;

– livello 2) alimenti che talvolta possono essere coinvolti in queste situazioni;

– livello 3) alimenti normalmente ben tollerati (ma che a qualcuno potrebbero comunque dare fastidio, non si può mai dire con certezza).

 

Livello 1): frequentemente coinvolti

Latticini e alimenti contenenti derivati del latte, specie di mucca (anche torte, biscotti, cioccolato al latte)

Lieviti e alimenti fermentati (dal pane alla pizza, dalla birra al formaggio)

Zuccheri (in particolare lo zucchero bianco)

Glutine (se in eccesso)

Grano tenero

Avena, soia e cereali integrali

Crostacei e molluschi

Patate

Caffè

Legumi (di più i fagioli, di meno i piselli e i ceci)

Funghi

Insaccati

Succhi di frutta, estratti ecc

Biscotti industriali e simili, torte, gelati e dolci in genere

 

Livello 2): talvolta coinvolti

The, caffè d’orzo

Mele

Cereali integrali

Noci

Cipolle (non scalogno o l’aglio)

Pomodoro (sia fresco che in salsa)

Carni: spesso dipende dalla qualità (se bio e allevata all’aperto, o, meno tollerata, se industriale), meglio di tacchino, pollo, agnello, coniglio

Uova (differenziando talvolta bianco e tuorlo)

Insalate verdi crude

Frutta, specie se molto dolce o allergizzante (uva nel primo caso, fragole e albicocche nel secondo), tutto da sperimentare, così come la frutta secca.

 

Livello 3): di solito tollerati

Il riso e il mais raramente danno problemi; talvolta il kamut è tollerato da chi non sopporta il grano tenero.

Le verdure cotte danno meno problemi rispetto alle crude

Zucca e zucchine, carote, radicchio e erbe amare cotte, carciofi

Porri, scalogno e aglio

Olive

Spezie di ogni genere

Pesci vertebrati

Olio

Parmigiano stravecchio (30 mesi o più)

Latticini di capra e pecora

Cioccolato amaro (min 70%)

 

Per saperne di più, leggi qui

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Il cibo migliore per i nostri bambini: parole

Il cibo migliore per i nostri bambini: parole

La nostra attenzione all’alimentazione del bambino è sempre notevole: le mamme amano confrontarsi tra loro su quanto il bimbo cresce, su quale sia il miglior percorso per lo svezzamento, sul dare o meno le merendine ai propri figli, o sul...

Come possiamo affrontare le intolleranze? Guarire o gestire?

Come possiamo affrontare le intolleranze? Guarire o gestire?

Le intolleranze alimentari sono un problema molto complesso e sempre più diffuso. La medicina classica fatica a riconscerle, ma molti medici sono ben consapevoli della frequenza con cui interazioni col cibo possono contribuire a disagi ch...

Covid e prevenzione: cos'altro possiamo fare?

Covid e prevenzione: cos'altro possiamo fare?

Il Covid è un virus simile a quello del raffreddore: le strategie di prevenzione sono quindi simili a quelle delle malattie da raffreddamento.

LUNGA VITA ALLE OSSA: protocollo dello studio

LUNGA VITA ALLE OSSA: protocollo dello studio

UNO STUDIO SULL’EFFICACIA DELLA DISCIPLINA  “BONES FOR LIFE®” NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE DELL’ANZIANO
Sede della ricerca:

FARMACIA ZANINI MEZZOCORONA

tel +39 0461 605161 info@farmaciazanini.it

Responsabile della parte medi...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30