search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

Acne e alimentazione

acne

Per molti anni si è cercato un collegamento tra dieta ed acne senza trovare nulla di consistente. Si sono cercate con cura prove a carico di alimenti “cattivi”: cioccolato, carboidrati, grassi, ma senza mai trovare risposte significative, a tal punto che per qualche decennio si è abbandonata l’idea di un possibile legame.

Da un po’ di tempo evidenze cliniche e studi hanno guardato al problema con un occhio diverso: non più mirando al singolo alimento ma piuttosto alla dieta nel suo complesso.

L’acne è una malattia che risente di molti fattori: genetica, ormoni, batteri della pelle, ecc. . Il risultato è infiammazione, formazione in eccesso di sebo e proliferazione del propionibacterium acnes (con perdita della biodiversità batterica della pelle).

Per questo motivo il contributo della dieta nel migliorare o peggiorare i sintomi non sarà mai risolutivo, ma comunque un po’ di influenza ce l’ha.

Il tema fondamentale è l’eccessiva stimolazione del sistema biologico di produzione proteica detto mTORC1 dovuta alla dieta occidentale. Troppo cibo, troppo semplice (industriale), troppo grasso.

 

Le informazioni più solide tendono a dire questo:

  • è da evitare una dieta ricca di zuccheri semplici: l’azione dell’insulina nel favorire l’acne sembra chiara, e molti studi ben fatti dimostrano l’utilità di una dieta a basso indice glicemico (quindi diminuire i carboidrati raffinati ed aumentare le fibre).
  • latte e derivati possono favorire la produzione di sebo attraverso l’aumento di complessi fattori di crescita, il che aggrava l’acne, anche se le prove non sono così robuste.
  • l’uso di grassi deve essere limitato, specialmente quelli cotti o quelli di origine animale, che favoriscono la produzione di acido palmitico, fondamentale per la produzione di sebo. Meglio gli olii vegetali crudi.
  • gli acidi grassi omega 3 possono aiutare a diminuire l’infiammazione.
  • il benessere intestinale, che favorisce la proliferazione di un microbiota equilibrato, è importante: si diminuisce l’infiammazione e questo ha ricadute in generale su tutte le situazioni in cui l’organismo genera infiammazione.
  • una dieta molto ricca di fibre oltre a migliorare il benessere intestinale promuove la formazione di acidi grassi ad azione antinfiammatoria. Verdura cruda e cotta a volontà!
  • in generale la diminuzione della stimolazione della produzione proteica legata da una dieta ipocalorica potrebbe essere un fattore positivo, inibendo i sistemi complessi che favoriscono la produzione del sebo. Alla fine meglio mangiare poco (verdura a parte) e non troppo proteico.
  • Il legame tra il mantenimento di una buona biodiversità dei batteri cutanei e la dieta è invece tutto da esplorare.
  • Il “povero cioccolato”, ingiustamente accusato…dipende da com’è: quello al 70% o più di cacao è ricco di antiossidanti e poverissimo di zucchero, quindi probabilmente fa solo bene. Quello al latte, molto dolce, evidentemente, è meglio evitarlo.

Per saperne di più: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31017577

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29691143

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Stomaco pieno o stomaco vuoto?

Stomaco pieno o stomaco vuoto?

Prima o dopo i pasti? E' una delle domande più frequenti che ci si pone quando si deve prendere un farmaco, perché si pensa, talvolta a ragione, che questo possa interferire con “quanto funziona”. Succede qualche volta, ma più raramente d...

Manteniamo le distanze?

Manteniamo le distanze?

L’uso delle parole giuste è importante. Riflettiamo sulla differenza tra distanziamento fisico (necessario in una fase di epidemia pericolosa) e distanziamento sociale: c’è bisogno di una società coesa nei periodi difficili, lo abbiamo vi...

Disinfettare va bene ma le mani?

Disinfettare va bene ma le mani?

Con la giusta abitudine di lavarsi spesso le mani e usare soluzioni alcoliche per proteggersi dal Coronavirus le mani possono diventare troppo secche. 

Come crescono i bambini

Come crescono i bambini

Pare una domanda sciocca: la natura sa quello che fa, si può rispondere. È vero, ma noi la lasciamo fare? I nostri ritmi, le nostre aspettative, la nostra cultura, il nostro ambiente, li rispettano? Lasciamo davvero lavorare la natura? No...

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30