search quotes-left quotes-right clock circle-down envelop

ORARIO

APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30

Menu mobile

A che ora mangio?

glucosio e insulina

Cronobiologia: una parolaccia che sta a indicare chi si occupa della relazione tra i ritmi biologici e le ore del giorno. Una scienza un po’ nuova, di cui s’intuisce l’importanza da tempo ma che ha da essere ancora approfondita.

Che il nostro organismo cambi durante le ore della giornata è evidente: si dorme perlopiù di notte, si ha fame a certe ore, si hanno attitudini diverse a seconda dei momenti.

Tutta la nostra vita è naturalmente scandita dal ritmo giorno notte: spesso però si trascura di osservarlo quando si parla di farmaci e salute.

Due piccoli spunti per riflettere: il ritmo sonno veglia è legato anche al ritmo di secrezione di alcuni ormoni, tra cui il cortisolo e l’insulina.

Il cortisolo è la forma naturale del cortisone, che viene secreta soprattutto nelle ore del primo mattino (uno dei motivi per cui ci si sveglia “belli energici”). Assumere il cortisone, sotto forma di farmaco, alla sera altera questo ritmo e ne accentua gli effetti collaterali.

Questo andamento ritmico si ha anche per l’insulina, l’ormone che controlla il livello di zucchero nel sangue e che stabilisce quanto di questo zucchero destinare alle “scorte” (quindi ad ingrassare) e quanto invece consumare.

L’insulina ha una elevata efficienza al mattino e nella prima metà della giornata, per cui gli zuccheri ed i carboidrati assunti al mattino vengono rapidamente utilizzati: il livelli di glucosio nel sangue e di insulina calano molto rapidamente in queste ore.

Lo stesso non avviene nel pomeriggio ed ancor più la notte: in questo caso la glicemia cala molto più lentamente a causa di una minore efficienza dell’insulina e lo stimolo ad “accumulare scorte” , e quindi ad ingrassare, rimane attivo molto più a lungo.

La persistenza di una glicemia alta nelle ore pomeridiane e soprattutto notturne ha anche un altro effetto significativo: diminuisce la sensibilità all’insulina da parte dei recettori presenti nei muscoli, facilitando nelle persone predisposte lo sviluppo della resistenza all’ormone caratteristica del diabete tipo 2. Un po’ come se si mangiasse un po’ troppo molto spesso.

Quindi non è indifferente a che ora mangiare i carboidrati, cioè pane, pasta, riso, dolci, che sono le fonti principali di glucosio: mangiarli al mattino va benissimo, a pranzo anche, ma se ha il problema di ingrassare o un rischio di diabete legato magari alla familiarità, allora è meglio evitare questi cibi nelle ore pomeridiane o alla sera. In questo modo la glicemia non rimane alta a lungo nonostante la minore efficienza dell’insulina a fine giornata.

Non solo “cosa mangiare” e “quanto mangiare”, quindi, ma anche “quando mangiare”.

Una buona colazione, un pranzo con pasta o riso, ma a cena verdure di ogni tipo ed eventualmente uova o un po’ di carne (ogni tanto) o altre proteine.

Guarda il grafico di insulina e glucosio nelle 24 ore

Vuoi essere sempre aggiornato sugli articoli che pubblichiamo? Iscriviti alla newsletter
Mal di gola

Mal di gola

Il mal di gola, come il raffreddore e l'influenza, compare spesso ai primi abbassamenti di temperatura.

Anche il mal di gola è quasi sempre causato da virus, specialmente se associato al raffreddore: spetta al nostro sistema immunitari...

La tosse nei bambini

La tosse nei bambini

La tosse nei bambini è uno dei problemi più frequenti, e forse anche il più sopravvalutato.

E’ un riflesso automatico che porta ad espellere dalle vie respiratorie qualcosa che non va, ed a seconda dell’età dei bambini si inquadra in m...

Troviamo lo sciroppo giusto

Troviamo lo sciroppo giusto

Con l'autunno inoltrato comincia la tosse: per ogni tosse c'è uno sciroppo giusto, e noi crediamo molto in quelle piccole differenze che, in questo caso, rendono migliore il prodotto naturale di qualsiasi soluzione chimica. Provare per cr...

Helicobacter: buono o cattivo?

Helicobacter: buono o cattivo?

Helicobacter Pylori è un batterio famoso da quando due scienziati australiani, che hanno per questo vinto il premio Nobel, hanno scoperto che era la causa dell’ulcera gastrica.

Il nostro team

Ci trovate in P.za S. Gottardo 13 38016 Mezzocorona, Trento (TN)

La nostra sede secondaria si trova in
via Rauti, 12 Roveré della Luna (TN)
Orari: lunedì-venerdì 8.30-12.00 e 16.00-18.30, sabato 8.30-12.00

Oppure inviaci un messaggio
Accetta   la nostra privacy

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato con i nostri articoli

Accetto la privacy policy


Questo sito utilizza i cookie per migliorare l' esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy



ORARIO APERTURA

lunedì - venerdì: 08.30 - 19.15

sabato 8.30 - 12.30